Disabilità e vita indipendente: nuove esperienze a Greve in Chianti

Condividi su:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

Riprendono a settembre le attività per favorire l’autonomia abitativa di persone adulte con disabilità nell’appartamento a Greve in Chianti, dove realizziamo il progetto “Durante e dopo di noi” in collaborazione con la Fondazione Nuovi Giorni Onlus, nata nel 2010 su iniziativa della Società della Salute della zona socio-sanitaria Fiorentina Sud Est allo scopo di supportare le persone con disabilità fisica, psichica e sensoriale nell’affrontare il futuro in autonomia anche in assenza del sostegno familiare.
Il progetto è stato dapprima attivo alcune settimane di luglio e ottobre del 2022, poi continuativamente da febbraio a maggio del 2023 e riprenderà a settembre.

Da luglio del 2022, abbiamo coinvolto gradualmente 12 giovani adulti/e con disabilità, tutti/e under 30. 

I/le partecipanti sono stati/e coinvolti/e in esperienze diurne, personalizzate e in piccolo gruppo per favorire lo stimolo reciproco, propedeutiche alla residenzialità ed essenziali nel percorso di distacco dalla famiglia di origine, che consentono cioè la promozione graduale dell’autonomia, anche affettiva, e l’indipendenza. 

Hanno condiviso attività domestiche di routine, vissuto momenti conviviali e ricreativi: hanno scelto il menù per il pranzo o la cena, sono andati a fare la spesa, hanno apparecchiato e sparecchiato, ripulito la cucina, nel segno della collaborazione e della complicità. Si sono presi/e cura della casa tagliando l’erba in giardino, piantando erbe aromatiche e fiori, realizzando con le foglie cadute dei quadretti da appendere in salotto.
Ognuno/a ha dato il proprio contributo in uno scambio di apprendimenti e insegnamenti. Un ragazzo che lavora nel forno di famiglia, ogni volta portava il lievito madre e si metteva a fare il pane. Nel profumo di quando lo sfornava, ha trasmesso la sua passione a tutti/e.

Cosa vorresti nel tuo comodino? Foto, santini, magliette di sportivi, lucine da tenere accese la notte. Ognuno/a ha fatto propria la camera e, tra marzo e aprile del 2023, tutti/e hanno dormito per la prima notte nell’appartamento, e l’hanno rifatto tre o quattro volte. C’era chi all’inizio non voleva venire ed è stato difficile coinvolgere, c’era chi non aveva mai passato una notte fuori casa e il babbo per accompagnarla le ha scritto una poesia.
Oggi chiedono sempre (anche le famiglie): quando ci si ritorna? A ottobre la prima intera settimana residenziale.